Cometa C/2020 F3 NEOWISE – 10/07/2020

10/07/2020 ; ore 04:36 ; t = 2 sec. ; 3200 ISO; tele 500 mm. , f/6

Una selezione degli scatti migliori della cometa. Nelle didascalie i dati delle riprese fotografiche. Da molti anni non avevamo osservato una cometa così spettacolare.

10/07/2020 ; ore 04:16 ; t = 5 sec. ; 3200 ISO ; focale 160 mm. ; f/5 + Crop (dettaglio ingrandito)
10/07/2020 ; ore 04:16 ; t = 5 sec. ; 3200 ISO ; focale 160 mm. ; f/5
10/07/2020 ; ore 04:20 ; t = 5 sec. ; 1600 ISO ; focale 160 mm. , f/5
10/07/2020 ; ore 04:23 ; t = 6 sec. ; 1600 ISO ; focale 70 mm. , f/4
10/07/2020 ; ore 04:36 ; t = 2 sec. ; 3200 ISO; tele 500 mm. , f/6
10/07/2020 ; ore 04:37 ; t = 4 sec. ; 1600 ISO ; tele 500 mm. , f/6

UN PASSO INDIETRO: RIPERCORRIAMO LE VARIE FASI DELL’OSSERVAZIONE, A PARTIRE DAL SORGERE DELLA COMETA.

Raccontiamo la piccola avventura di una notte sotto le stelle davvero piena di soddisfazioni. Si esce di case alle 3 del mattino. La cometa sorgerà a nord-est, una direzione sfavorevole per chi osserva dalla costa piombinese. Mentre a Ovest l’orizzonte, sul mare, è completamente libero, dalla parte opposta gli astri più bassi sulla volta celeste sono celati dietro colline, vegetazione, edifici e dalla luce artificiale. Il parcheggio dell’ospedale di Villamarina è in altro, ma totalmente illuminato. Impossibile fotografare il cielo da lì. Dopo un breve girovagare, ci fermiamo all’estremo nord della città, oltre la località Diaccioni. Montiamo l’attrezzatura fotografica appena in tempo per assistere, alle 3:30, al transito della ISS – Stazione Spaziale Internazionale. Purtroppo la cometa non è ancora apparsa in cielo, sfuma il progetto di riprenderla insieme alla ISS (ci riuscirà il giorno dopo un altro nostro socio). Cominciamo a scrutare il crinale della collina, senza avere idea di come apparirà la cometa. Sul web già circolavano centinaia di immagini, ma molte sono riprese da luoghi con cieli molto oscuri, con strumenti di alta qualità, e le immagini sono spesso elaborate con software di fotoritocco.  La visione ad occhio nudo è spesso deludente.  Ad un certo punto, poco prima delle 4, in alcune immagini e poi al binocolo si comincia ad intravedere uno sbuffo di luce in verticale, che spunta proprio dal punto più basso della valle tra le due colline davanti al punto di osservazione. Un colpo di fortuna, se la cometa fosse stata un po’ più a nord o a sud di quel punto sarebbe sorta ancora più tardi e avremmo avuto poco tempo per osservarla. All’inizio non era chiaro se quella luce fosse davvero la cometa, abbiamo pensato anche a dei fari accesi da qualche nottambulo sul sentiero. Poi, come si vede nelle gif animate in questa pagina, il movimento della coda è diventato inconfondibile: era proprio un astro che stava sorgendo, con la stesso percorso delle stelle sullo sfondo. Dopo una decina di minuti è spuntata anche la chioma luminosa della cometa, con all’interno il nucleo. Uno spettacolo incredibile!  Erano oltre 20 anni, dalle ormai mitiche comete Hyakutake e Hale-Bopp (1996-97), che non avevamo osservato così chiaramente una coda cometaria.              Le osservazioni sono proseguite fino alle 4:45 circa, quando il cielo era ormai troppo chiaro e la cometa stava sparendo nella luce dell’alba.  La notte è stata magnifica, con un leggerissimo vento, una pace interrotta solo dai richiami degli animali notturni e poi dal canto dei galli. Un corteo di astri lungo tutta la volta celeste: Giove, Saturno, la Luna, Marte e per ultimo è apparso Venere, nella costellazione del Toro.  Le immagini in questa pagina ci aiuteranno a ricordare questa “notte della cometa”!

Sorge la coda della cometa alle 4 del mattino (gif animata)
la coda della cometa spunta dalla piccola valle tra le colline a nord-est di Piombino. 10/07/2020 ; ore 04:00 ; t = 10 sec. ; 3200 ISO ; focale 70 mm. , f/4

Un istante particolarmente suggestivo. La coda della cometa spunta dal punto più basso della valle a “V” tra due colline: sembra una “fontana di luce” che si proietta verso il cielo.  Solo alcuni minuti dopo apparirà la chioma brillante con al centro il nucleo della cometa.

Dettaglio ingrandito ed elaborato della foto precedente.
La chioma della cometa gioca a nascondino con la vegetazione. 10/07/2020 ; ore 04:03 ; t = 8 sec. ; 3200 ISO ; focale 300 mm. , f/5,6 Gif animata.
Finalmente la cometa è interamente visibile e scorre lungo il crinale della collina. 10/07/2020 ; ore 04:05 ; t = 10 sec. ; 3200 ISO ; focale 300 mm. , f/5,6 . Gif animata.
10/07/2020 ; ore 04:12 ; t = 8 sec. ; 3200 ISO ; focale 130 mm. , f/4,5
10/07/2020 ; ore 04:16 ; t = 5 sec. ; 3200 ISO ; focale 160 mm. , f/5
10/07/2020 ; ore 04:21 ; t = 8 sec. ; 1600 ISO ; focale 160 mm. , f/5
Arriva l'alba, la cometa è appena visibile nel cielo già chiaro. 10/07/2020 ; ore 04:41 ; t = 1,3 sec. ; 1600 ISO ; focale 18 mm. , f/4

PRIMA E DOPO LA COMETA

Aspettando l’apparizione della Neowise, abbiamo osservato, alle ore 3:30, il transito della ISS, la Stazione Spaziale Internazionale. La cometa non era ancora visibile, nascosta dietro la collina sulla sinistra.

Il transito della ISS alle ore 3:30 (gif animata con fotogrammi da 10 sec . ciascuno)

Al termine delle  osservazioni, con il cielo già chiaro alle prime luci dell’alba, un ultimo spettacolo ha suggellato una notte memorabile. Sorge Venere vicino alla stella Aldebaran, nella costellazione del Toro.

Venere sorge in congiunzione con la stella Aldebaran e l'ammasso delle Iadi (costellazione del Toro)
La location da cui sono state realizzate le immagini (a nord-est di località Diaccioni)